| Home | Chi siamo | Componenti | Argomenti utili | Notizie | Attrezzature | Acquista Online | Faq | Contatti |
Shopping online integratori
Home arrow Argomenti utili arrow Ipertrofia prostatica

Ipertrofia prostatica

Stampa E-mail
Indice articolo
Ipertrofia prostatica
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4
Pagina 5

Esame obiettivo NELL’IPERTROFIA PROSTATICA

L'esame obiettivo generale deve ricercare soprattutto eventuali segni di insufficienza renale cronica (pallore, tachicardia, tachipnea, ipertensione arteriosa, fetore uremico, asterixis, etc.). L'esame obiettivo urologico permette di rilevare in caso di ureteroidronefrosi l'aumento volumetrico dei reni e l'eventuale dolorabilità delle logge renali; in caso di ritenzione d'urina con distensione vescicale è possibile apprezzare alla palpazione ed alla percussione un globo vescicale. Di fondamentale importanza è l'esplorazione rettale, che va eseguita a vescica vuota e andrebbe sempre preceduta dall'osservazione della minzione del paziente, in modo da esser certi della diminuzione della forza e dello spessore del getto. L'esame deve essere condotto su tutte le pareti dell'ampolla, soffermandosi poi ad analizzare i vari caratteri della ghiandola prostatica. Questa appare più o meno aumentata di volume, di consistenza teso-elastica, con limiti ben definiti, solco interlobare appianato e superficie liscia. La nodularità tipica dell'ipertrofia prostatica di regola non è palpabile perchè i noduli hanno sede nella zona di transizione della prostata craniale, ricoperta dalla zona periferica dell'organo. Talvolta un lobo iperplasico può svilupparsi in misura maggiore rispetto all'altro. L'esplorazione rettale fornisce anche l'opportunità di valutare il tono dello sfintere anale e quindi, indirettamente, lo stato dell'innervazione vescicale.

Esami di laboratorio nella ipertrofia prostatica

• analisi delle urine e l'urinocoltura permettono di evidenziare la presenza di un'infezione urinaria
• dosaggio dell'azotemia e della creatininemia nonchè la determinazione della clearance della creatinina documentano un'eventuale insufficienza renale.
• Citologia urinaria su tre campioni (cioe su tre raccolte di urina effettuate al mattino per tre giorni consecutivi , che devono essere analizzate in vivo ) in caso di ematuria e/o di prevalente sintomatologia minzionale irritativa, dopo essersi accertati dell'assenza di un'infezione urinaria.
• PSA con rapporto libero totale (antigene prostatico specifico)

Esami urodinamici nella ipertrofia prostatica

La flussometria: essa consiste nella registrazione dinamica del volume di urina emesso dall'uretra nell'unità di tempo. I valori di flusso massimo vanno sempre valutati in relazione al volume menzionale (cioè la quantità di urina emessa , che deve essere superiore ai 150 ml affinchè l’esame sia attendibile.
Come si interpreta una FLUSSIMETRIA o FLUSSOMETRIA
• Valori di flusso massimo superiori a 15 ml/s sono indicativi di assenza di ostruzione
• Valori di flusso massimo inferiori a 10 ml/s sono suggestivi per un'ostruzione
• Valori compresi tra 10 e 15 ml/s sono dubbi.
Unico deficit di questo esame è che non differenza l'ostruzione al flusso da una scarsa contrattilità detrusoriale. (cioè da una diminuizione dovuta all’ostacolo rappresentato da malattia prostatica, o da una malattia della parete vescicale). La cistometria ed eventualmente uno studio pressione-flusso, è indicata essenzialmente nei pazienti in cui si sospetta la presenza di una disfunzione vescicale non correlata con l'ostruzione. Quando, cioè, i sintomi irritativi predominano su quelli ostruttivi: la cistometria può evidenziare nella fase di riempimento vescicale la presenza di una instabilità detrusoriale. Nei pazienti che negano una importante sintomatologia ostruttiva, ma presentano i reperti obiettivi di una vescica trabecolata e/o di un cospicuo residuo vescicale post-minzionale, uno studio pressione-flusso può discriminare i casi in cui a bassi flussi corrispondono elevate pressioni detrusoriali (ostruzione) da quelli in cui a bassi flussi fanno riscontro basse pressioni detrusoriali (vescica ipocontrattile).

Ecografia nella ipertrofia prostatica

Consente infatti di valutare con accuratezza il parenchima renale, di evidenziare un'eventuale ectasia delle cavità escretrici, di identificare eventuali calcoli vescicali secondari e di determinare il residuo vescicale post-minzionale (a tal fine è nettamente preferibile al cateterismo vescicale). L’ecografia deve essere eseguita a vescica piena prima, e dopo che il paziente è stato inviato ad urinare: la presenza ancora di urina denotera un residuo postminzionale più o meno cospicuo in caso di ipertrofia prostatica). La combinazione tra ecografia sovrapubica e transrettale permette di valutare con affidabilità le dimensioni e l'ecostruttura della prostata.

Esami radiologici nella ipertrofia prostatica

L'urografia endovenosa è pressoché obbligatoria in presenza di ematuria, sia macro- che microscopica; documenta l'eventuale distensione vescicale e delle vie urinarie superiori (uropatia ostruttiva o idronefrosi, in genere bilaterale), lo stato della parete vescicale, la presenza di diverticoli o di calcoli, l'impronta che la prostata produce (il cosi detto lobo medio aggettante visibile in ecografia ) sul pavimento vescicale e l'entità del residuo vescicale post-minzionale. Nel sospetto di una stenosi uretrale è indicata l'esecuzione di una cistouretrografia retrograda e minzionale.

Esami endoscopici nella ipertrofia prostatica

L'uretrocistoscopia : valuta le condizioni del collo vescicale, l'eventuale presenza di un lobo medio prostatico (non apprezzabile all'esplorazione rettale) o di una barra cervico-prostatica o la ipertrofia da sforzo con gli aspetti a celle e colonne.

INFORMAZIONI



 
< Prec.   Pros. >






Brea Shop Cart

BREA Shop
Il carrello Ŕ vuoto.

Collaboratori


patrizio vicini collaboratore
studio gallo collaboratore

Dr. Davide Barletta davide barletta quad

Vedi la bio e curriculum

Amb.: Viale Montegrappa 8/A  Pavia

2016 Brea s.r.l. | Grosseto p.iva 01365550530 | Cap.Soc. 10.000 int.ver. | Rea 117639 Cam.Comm. di Gr n.01365550530 | Condizioni | Privacy policy