| Home | Faq | Componenti | Notizie utili | Contattaci | Attrezzature | Farmacia Online |
Home
LA CALCOLOSI Stampa E-mail
Indice articolo
LA CALCOLOSI
Pagina 2

 



 

Come prevenire la formazione dei calcoli ?

La calcolosi urinaria (o nefrolitiasi) ha un'alta incidenza di recidive. Un paziente che forma calcoli ha circa il 60-70% di probabilita' di formarne di nuovi. Dopo ESWL 'bombardamento' la probabilita' di formare nuovi calcoli e' ancora piu' alta. E' percio' fondamentale la prevenzione  di nuovi episodi. Le ricerche attuali consentono una migliore conoscenza dei fattori che favoriscono la calcolosi. Si puo' pertanto, dopo un approfondito studio metabolico e nutrizionale, agire sulle cause evitando la formazione di nuovi calcoli.

Terapia medica della calcolosi

I calcoli inferiori ai 5 mm di diametro di solito transitano spontaneamente e vengono eliminati con le urine. Quelli tra i 5 ed i 7 mm transitano spontaneamente nel 50% dei casi, quelli tra i 7ed i 10 mm in circa il 20% dei casi. I calcoli piu' grandi di 10 mm raramente passano spontaneamente e richiedono l'intervento medico. Vi sono molteplici modalita' di intervento. Il primo approccio e' senza dubbio la terapia medica che permette permette, nella calcolosi pratica o ossalica (95 % del totale), di scioglierli completamente o parzialmente evitando qualsiasi manovra di carattere urologico. Negli altri casi, con un adeguato approccio di carattere dietetico e/o farmacologico si riesce spesso ad evitare che il calcolo si ingrandisca. Inoltre, non raramente e' possibile ottenere la sua riduzione di volume consentendo l'eliminazione naturale attraverso le vie urinarie. La terapia medica puo' permettere altresi' (attraverso specifici farmaci rilassanti la muscolatura ureterale) una piu' alta probabilita' di espulsione spontanea dei calcoli ureterali che sono quelli potenzialmente piu' pericolosi.

Terapia medica della colica renale

La terapia della colica renale  prevede l'utilizzo di antinfiammatori non steroidei (FANS) ed antispastici per via intramuscolare. Nel caso in cui il dolore sia molto violento e' necessaria la terapia per via endovenosa. Coadiuvanti nella terapia medica sono i cosiddetti integratori alimentari a base di phillantus niruri e di Sali, quali il citrato di potassio e il citrato di magnesio,(vedi BREASTON ) che tramite una assunzione prolungata possono impedire la crescita del calcolo, prevenire la recidiva, favorirne la espulsione. Il cosiddetto 'bolo di acqua' (bere moltissima acqua in poco tempo) per favorire la espulsione del calcolo non e' piu' consigliabile. E' stato infatti dimostrato che potrebbe causare sofferenza al rene nel caso che il calcolo sia ostruente. Il bolo di acqua potrebbe pertanto avere un effetto dannoso piuttosto che positivo. Attualmente, il ruolo della chirurgia tradizionale nella calcolosi urinaria e' marginale. Infatti, la possibilita' di effettuare la litotripsia extracorporea o, quando non e' possibile, la possibilita' di ricorrere alle tecniche endourologiche, consente fortunatamente di evitare molto spesso la chirurgia a cielo aperto. Attualmente non piu' del 5% dei calcoli urinari e' trattato mediante chirurgia tradizionale. Durante l'intervento chirurgico, l'urologo effettua una incisione giungendo fino al rene, raggiungendo il calcolo ed asportandolo. Per la guarigione dall'intervento sono necessarie da 4 a 6 settimane. Il piu' serio fattore che depone contro questo tipo di chirurgia e' il fatto che la chirurgia a cielo aperto della calcolosi urinaria puo' essere effettuata una sola volta, o al massimo due volte senza che permangano significativi danni renali. E' stato stimato che ogni volta che il chirurgo interviene effettuando una incisione sul rene vi e' una perdita di circa il 20% della sua funzione. Inoltre vi possono essere danni renali da altre cause: infatti durante l'intervento l'arteria renale e' clampata (chiusa) per alcuni minuti per impedire un'eccessiva emorragia quando il rene e' inciso; il rene e' pertanto esposto ad ischemia che, se prolungata, puo' essere altra causa di danno renale. Pur nel piu' sempre limitato spazio per la chirurgia tradizionale, si possono dare alcune indicazioni per il suo utilizzo:
1. fallimento di altri trattamenti
2. anomalie anatomiche
3. obesita';
4. chirurgia aperta concomitante
5. calcolosi a stampo complessa non risolta dalle altre modalita' di intervento.

--- COLICA RENALE notizie utili ---

INFORMAZIONI

ulteriori approfondimenti sul sito www.calcolidelrene.it



 
< Prec.   Pros. >






Brea Shop Cart

BREA Shop
Il carrello vuoto.

2014 Brea s.r.l. | Grosseto p.iva 01365550530 | Cap.Soc. 10.000 int.ver. | Rea 117639 Cam.Comm. di Gr n.01365550530 | Condizioni | Privacy policy