Vitamine e sali minerali

vitamine e sali minerali in acqua

Vitamine e sali minerali

Le Vitamine, i sali minerali e gli oligoelementi sono importanti per i diversi e vari processi metabolici dell’organismo. Si possono trovare,anche se con differenze talvolta significative nei vegetali.

Le Vitamine del gruppo B

Prevengono contratture muscolari, favoriscono la sintesi dei globuli rossi, aiutano nel riassorbimento dell’acido lattico. L'Acido Folico (anche Vit. B9 , Vit M, folacina) è una vitamina idrosolubile appartenente al gruppo B; è una vitamina essenziale per la sintesi di DNA, RNA e di aminoacidi. Come vitamina del gruppo B interviene nella formazione dei globuli rossi (fattore antianemico) ed è importante per l’equilibrio del sistema nervoso. È inoltre in grado di ridurre i livelli di omocisteina, (un aminoacido presente nel sangue. ). L’acido folico oltre a favorire la fertilità, è consigliato durante il periodo dell’allattamento. È stata riconosciuta all’acido folico un’importanza fondamentale nella prevenzione di alcune malformazioni neonatali, in particolar modo di quelle relative al tubo neurale come, per esempio, anencefalia, encefalocele e spina bifida. Gli alimenti ricchi di Vitamine del complesso B sono le verdure con foglie verde scuro, le arachidi,fagioli, piselli, cereali, la carne il pesce e le uova.

La Vitamina E

Rappresenta il principale fattore antiossidante presente nella membrana cellulare.

Una integrazione alimentare con vitamina E è indicata nelle alterazioni degenerative degli organi di riproduzione, dei vasi, del tessuto connettivo, nei fumatori.

Si deposita nel fegato,nel tessuto adiposo dell’ipofisi, ghiandole surrenali, utero e testicoli.

Diversi studi clinici dimostrano che la supplementazione orale di vitamina E aumenta la motilita’ spermatica e la percentuale di spermatozoi vitali e normali (1;2;3;4). Fonte naturale di Vit.E sono i semi e gli oli da essi derivati oli di canapa e di cereali, frutta e ortaggi. I processi di cottura riducono il contenuto vitaminico.

Lo Zinco

E’ un oligominerale essenziale utilizzato in molti processi corporei, ha riconosciute proprietà antiapoptotiche e antiossidanti; nell'uomo, assume un ruolo di rilievo nel sistema riproduttivo, influenza lo sviluppo degli organi sessuali e la funzione prostatica.

Proprietà dello Zinco:

  • Funziona come anti-ossidante.
  • Regolarizza il gusto e l'odorato.
  • Promuove una crescita e uno sviluppo regolari.
  • Favorisce la cicatrizazione delle ferite.
  • Promuove una crescita regolare del feto.
  • Favorisce la sintesi del DNA e RNA.
  • Promuove la divisione cellulare, la riparazione e la sintesi.
  • Regolarizza il livello ematico della vitamina A

Fonte naturale di zinco sono proteine, cereali integrali, lievito di birra, semi di zucca e germe di grano.

Il Magnesio e il Potassio

Mantengono nella norma i parametri elettrolitici dei muscoli, preservandoli da dolorosi crampi. Il potassio si trova nelle patate, nell’aglio, nel lievito di birra, nei fichi, nella frutta secca, nelle albicocche e banane. Il magnesio è presente nel pesce, nell’aglio, nelle pesche, nelle albicocche.

Il Ferro ,componente essenziale dell’emoglobina, aiuta l’ossigenazione del tessuto muscolare. Il nostro organismo è capace di assimilare solo il 5-10% del ferro vegetale e il 20% di quello animale. Per facilitarne il metabolismo e la sua biodisponibilità è necessario attuare una dieta adeguata con gli elementi utili a favorire il suo assorbimento quali l’acido folico, la vitamina C, e il Rame.

Il Cromo e Manganese

Sono dei potenti antiossidanti che, interagendo con l’organismo, distruggono i radicali liberi. Il Cromo si trova nel lievito di birra, il fegato, la carne di manzo, le barbabietole, i formaggi e i funghi.

Bibliografia

  1. Sinclair et al.Male Infertility: nutritional and environmental considerations.Alt.Med.Rev. 2000,5.
  2. Suleiman S.A.,Ali M.E. et al. Lipidperoxidation and human sperm motility:protective role of vitamin E.J.Androl. 1996;17
  3. Verma A.,Kanwar K.C.Effect of vitamin E on Human sperm mobility and lipid peroxidation in vitro .Asian J.Androl.1999; 1:151-154
  4. Therond P.,Auger J. et al. alfa-tocopherol in human spermatozoa and seminal plasma:relationship whit motility,antioxidant anzymes and leukoicytes.Molec.Hum.Reproduction 1996;2:739-744.12

Citrato di Potassio e Magnesio

Nel 1985 la FDA americana ha approvato l'uso del citrato di potassio nella prevenzione della calcolosi calcica e nella calcolosi da acido urico.

I citrati hanno un ruolo importante nella terapia medica della litiasi renale, dato che inibisce la calcolosi calcica (sia ossalatica che fosfatica) , legandosi al calcio ed abbassandone la concentrazione nelle urine . Inoltre i citrati sono elementi capaci di inibire la cristallizzazione ,la crescita e l’aggregazione dei sali litogeni che costituiscono il calcolo disciolti nella urina

Ritarda la aggregazione della struvite, cioè la calcolosi infetta (cioè quella che porta ai calcoli di triplo-fosfato-ammonio magnesiaco) Aumentando il ph delle urine tra 6 – 7 controlla la calcolosi uratica. Aumentando il ph oltre 7 controlla la calcolosi cistinica. Migliora la clearance dei frammenti residui dopo ESWL.

I sali più comunemente usati sono citrato di potassio, citrato di sodio e citrato di potassio-magnesio. il citrato (di potassio e di magnesio) è ritenuto di particolare importanza perché:

  • Aumenta il ph delle urine controllando la calcolosi uratica (a tale ph (basico) la maggior parte dell’acido urico si trova in forma dissociata e quindi più solubile.)
  • Si lega al calcio abbassandone la concentrazione riducendo la saturazione urinaria per i Sali di calcio.
  • Inibisce direttamente la enucleazione dell’ossalato di calcio
  • Ritarda la cristallizzazione della struvite.
  • Aumenta la solubilità della cistina.

I citrati possono essere influenzati dalle abitudini alimentari. Una dieta ricca di proteine alimentari, ricca di cloruro di sodio, cioè il sale da cucina e con un ridotto apporto di potassio, porta ad una carenza di citrati nelle urine, ( IPOCITRATURIA). Alimenti invece ad alto contenuto di citrati (succo di limone o di arancia) possono aumentare l’escrezione urinaria di citrati e vengono suggeriti come terapia alternativa ai pazienti intolleranti ai sali di citrato.

Principali cause di ipocitraturia (riduzione dei citrati nelle urine)

  • Dietetica: aumentato apporto di proteine, di sale da cucina (cloruro di sodio, nacl), diminuizione di apporto di potassio o di alcali, dieta prolungata
  • Infezione Urinaria
  • Esercizio fisico prolungato
  • Farmaci: diuretici tiazidici o l’acido etacrinico
  • Intestinali: resezioni intestinali, morbo di Crohn, rettocolite ulcerosa
  • Renali: Insufficienza renale cronica, riduzione del citrato idiomatica, acidosi tubulare distale

Effetti Collaterali

Iperpotassiemia. Il citrato non va somministrato nei pazienti che assumono farmaci risparmiatori di potassio o affetti da insufficienza renale cronica.