Si posso eseguire interventi chirurgici ripetuti?

A seguito di un severo incurvamento del pene ho già subito 2 interventi chirurgici per il raddrizzamento. Adesso a distanza di anni dal 1° intervento ho notato un nuovo episodio di incurvamento dorsale modesto. Vorrei chiedere se è il caso di sottopormi nuovamente ad intervento.

La malattia è dovuta alla perdita di elasticità dei rivestimenti dei corpi cavernosi che compongono il pene. Per questo la chirurgia può raddrizzare il pene ma non combatte il processo infiammatorio che determina la malattia dei rivestimenti dei corpi cavernosi.

Per quanto riguarda un terzo intervento il consiglio spetta al chirurgo dal quale è stato operato già due volte.

Potrebbe essere comunque opportuno un trattamento medico, anche nel caso che il chirurgo consigliasse il terzo intervento, per evitare l’insorgenza di altre recidive. La chirurgia

interviene per raddrizzare il pene ma non cura la malattia che può cronicizzare.