Antiossidanti nell'infertilità

Statistiche sull'infertilità

Le statistiche più recenti hanno stimato che ogni anno, in Italia , 60.000 nuove coppie hanno difficoltà ad avere figli. Nonostante questi numeri la sterilità è vissuta come un problema privato ed individuale. L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che in circa il 40% dei casi, la sterilità sia di origine maschile, e nel 40% femminile. Il 20% dei casi è dovuta a cause non attribuibili ad uno dei due partners e per questo viene definita idiopatica. L'infertilità, diffusa soprattutto nei Paesi molto industrializzati, contribuisce certamente al drammatico calo della natalità dei paesi sviluppati.

L'Italia dai dati del 2011,è tra gli ultimi paesi al mondo per bassa natalità. Secondo diversi studi la fertilità maschile ha subito negli ultimi anni una significativa riduzione, infatti il numero degli spermatozoi per millimetro si sarebbe quasi dimezzato negli ultimi 50 anni. Le cause di questa "epidemia" sono ascrivibili al mutato stile di via(alcool,fumo,droghe,ecc.,) alla maggior libertà sessuale, e alla diffusione nell'ambiente di sostanze inquinanti.

Le cause dell'infertilità nell'uomo

Negli uomini, la maggior parte dei casi d’infertilità è dovuta a una bassa concentrazione di spermatozoi nel seme (oligospermia) o alla bassa motilità degli stessi. In entrambe le situazioni le possibilità che gli spermatozoi arrivino fino all’ovulo e lo possano fecondare si riducono considerevolmente. In questi ultimi anni, vari studi hanno evidenziato l'importanza dei Radicali Liberi di Ossigeno (ROS) nel provocare il danneggiamento della membrana spermatozoaria ed un danno del suo DNA attraverso uno stress ossidativo.

La cellula spermatozoaria possiede fisiologicamente la capacità di svolgere azione antiossidante e di difesa dai radicali liberi, grazie alla presenza di specifici meccanismi di difesa sia di natura enzimatica, che non enzimatica. Pertanto diventa necessario incrementare tali meccanismi di difesa, modificando il nostro stile di vita( abolizione del fumo di tabacco, alcool, droghe, riduzione dell'esposizione a radiazioni ionizzanti) e adottando una dieta alimentare ricca di vitamine, minerali ed oligoelementi ad elevata azione antiossidante. Purtroppo oggi i nostri ritmi di vita condizionano in maniera negativa il nostro stile di vita, quindi è necessario integrare la quota di sostanze antiossidanti con integratori in grado di farlo.

(Dr. Carlo Maretti Centro CIRM-Piacenza www.andrologia-online.it Rivista:"io Uomo settembre 2012")

Gli antiossidanti nell'infertilità

Gli antiossidanti sono sostanze biologiche (enzimi) e chimiche che svolgono un'azione di "ripulitura" dei ROS e di riduzione dello stress ossidativo e dei danni che ne derivano; agiscono anche sul metabolismo degli spermatozoi all'interno dell'apparato riproduttivo maschile.

Gli antiossidanti chimici possono essere:

  1. naturali, assumibili con la dieta (frutta, verdura, latticini, carne)
  2. sintetici assunti con supplementazione di integratori in caso di situazioni carenziali.    

Un' equilibrata assunzione di antiossidanti può contribuire a ripristinare la fisiologica fertilità migliorando le caratteristiche spermatiche. Fra gli antiossidanti naturali citiamo il glutatione, la vitamina E, la vitamina C, il licopene, il beta-carotene, l'astaxantina, ma anche gli oligoelementi come lo zinco, spesso associati in specifiche formulazioni farmaceutiche,sotto forma di integratori alimentari.

Lo zinco nell'infertilità

Lo ZINCO assume un ruolo di rilievo nel sistema riproduttivo; è implicato nell'espressione genica dei recettori dell'ormone steroideo e ha riconosciute proprietà anti-apoptotiche ed antiossidanti. Lo zinco fornisce un'ottima fonte di protezione dagli effetti negativi dei radicali dell'ossigeno e ha come risultato un miglioramento della qualità dello sperma, in particolare a livello di motilità e integrità della membrana spermatica.

Lo zinco così può contribuire con evidenti benefici alla fisiologica fertilità e riproduzione maschile.

Funzioni dello zinco nella riproduzione maschile

  • Steroidogenesi testicolare
  • Sviluppo testicolare
  • Consumo di ossigeno degli spermatozoi
  • Condensazione della cromatina nucleare
  • Reazione acrosomiale
  • Attività della acrosina
  • Stabilizzazione della cromatina spermatica
  • Sintesi di testosterone
  • Conversione del testosterone in 5α di-idrotestosterone

Effetti della supplementazione con zinco

  • Accellera l'inizio della funzione sessuale
  • Aumenta il numero degli spermatozoi
  • Migliora la morfologia e la motilità degli spermatozoi
  • Aumenta la concentrazione di testosterone
  • Aumenta la potenza sessuale

Per l'ottimizzazione dei risultati dell'integrazione della dieta con antiossidanti, è di fondamentale importanza che sia lo specialista a decidere la composizione giusta di antiossidanti, il dosaggio e la durata del trattamento. Inoltre, durante la terapia, sarebbe opportuno monitorare il livello degli agenti antiossidanti nel plasma seminale, in modo da verificare che le sostanze somministrate raggiungano le vie seminali svolgendo correttamente il loro ruolo.

Dr. Ferdinando Fusco Università Federico II di Napoli Rivista:"io Uomo settembre2012"

L'arginina e le altre sostanze nell'infertilità

L’ Arginina è un aminoacido essenziale in età pediatrica, ovvero va assunta tramite alimentazione poiché l’organismo non è in grado di sintetizzarla in quantità sufficiente; negli adulti viene sintetizzata nel ciclo dell’urea. L’Arginina assume un aspetto importantissimo nella sfera sessuale dell’uomo, perché interviene nella sintesi di ossido nitrico, una sostanza che produce vasodilatazione aumentando l’apporto di sangue ai tessuti, genitali compresi.(1)

Numerosi studi hanno riportato come tale aminoacido abbia la capacità, di migliorare alcune condizioni fisio-patologiche come la Disfunzione Erettile(2), mediante un aumento della sintesi endogena dell’ ossido nitrico (NO), importantissimo mediatore biologico. L'Arginina è considerata indispensabile per la produzione dello sperma, migliora la spermatogenesi e funge da sorgente di energia, svolgendo un’ importante ruolo per il metabolismo energetico e la motilità dello spermatozoo(3). L' Arginina è indicata anche negli stati di debolezza e fatica fisica, inoltre, come stimolante ipotalamico, facilita lo sviluppo delle masse muscolari e la riduzione dei depositi adiposi. Rappresenta quindi, un elemento importante per il metabolismo negli interventi di controllo del peso e nell’alimentazione degli sportivi(4-5).

L' Acetil Carnitina è un derivato aminoacidico sintetizzato nell'organismo umano, che è in grado di sintetizzare solo il 25% del fabbisogno giornaliero, la parte restante deve essere introdotta tramite alimentazione, pertanto la Carnitina è utilizzata come integratore nutrizionale sia in ambito clinico che sportivo. Bassi livelli di carnitina vengono spesso riscontrati in varie patologie, tra cui la compromissione delle capacità riproduttive maschili.

Diversi studi evidenziano una correlazione lineare tra i livelli di L-carnitina numero, e qualità’ degli spermatozoi(6). Pertanto la supplementazione di carnitina riesce a produrre un incremento della mobilità spermatica ridotta. Diversi trials clinici hanno confermato un’ottimizzazione dei parametri spermatici, con particolare aumento della percentuale di spermatozoi mobili, in pazienti con asteno-oligospermia dopo somministrazione di L-carnitina (7-8-9).

La Vitamina E rappresenta il principale fattore antiossidante presente nella membrana cellulare. Una integrazione alimentare con vitamina E è indicata nelle alterazioni degenerative degli organi di riproduzione, dei vasi, del tessuto connettivo, nei fumatori. Si deposita nel fegato,nel tessuto adiposo dell’ ipofisi, ghiandole surrenali, utero e testicoli. Diversi studi clinici dimostrano che la supplementazione orale di vitamina E aumenta la motilità’ spermatica e la percentuale di spermatozoi vitali e normali (3-10-11-12).

L'Acido Folico (anche Vit. B9 , Vit M, folacina) è una vitamina idrosolubile appartenente al gruppo B; è una vitamina essenziale per la sintesi di DNA, RNA e di aminoacidi. Come vitamina del gruppo B interviene nella formazione dei globuli rossi (fattore antianemico) ed è importante per l’equilibrio del sistema nervoso. È inoltre in grado di ridurre i livelli di omocisteina, (un aminoacido presente nel sangue. ). Nella oligospermia e/o astenospermia vi è un aumento patologico della omocisteina che è causa diretta o indiretta di alterazioni della spermatogenesi. L’acido folico oltre a favorire la fertilità, è consigliato durante il periodo dell’allattamento. È stata riconosciuta all’acido folico un’importanza fondamentale nella prevenzione di alcune malformazioni neonatali, in particolar modo di quelle relative al tubo neurale come, per esempio, anencefalia, encefalocele e spina bifida.

Bibliografia

  1. Chen J,Wollman Y,Chernichovsky T, et al. – effect of oral administration of high-dose nitric oxide donor L-arginine in men with organic erectile dysfunction:results of a double-blind,randomized placebo-controlled study,BJU Int. 1999;83:269-273.
  2. Scibona M,meschini P,Capparelli S,Pecori C,Rossi P,Menchini Fabris GF The clinical efficacy and acceptance of L-arginine HCL was tested in 40 infertile men.
  3. Sinclair et al.Male Infertility: nutritional and environmental considerations.Alt.Med.Rev. 2000,5.
  4. Creatine supplementation and exercise performance:an update (J Am Coll Nutr. 1998)
  5. Effects of creatine supplementation on exercise performance (Sports Med. 1999) .
  6. Agarwal A. Carnitines and male infertilità.Repr.Biomedicine Online 2004;376-384
  7. NG C.M. et al. The role of carnitine in the male reproductive system.Ann. N.Y.Acad.Sci.2004;1033:177-188
  8. Lenzi A.,Lombardo F. et al. Metabolism and action of L-carnitine:its possible role in sperm tail function.Arch.Ital.Urol.Nefr.Androl.1992; 187-196
  9. Claudette j.,Lawrence M.L. Role of free L-carnitine and acetyl-L-carnitine in post-gonadal maturation of mammalian spermatozoa.Hum.Reprod.Update. 1996; 2:87-102.
  10. Suleiman S.A.,Ali M.E. et al. Lipidperoxidation and human sperm motility:protective role of vitamin E.J.Androl. 1996;17
  11. Verma A.,Kanwar K.C.Effect of vitamin E on Human sperm mobility and lipid peroxidaton in vitro .Asian J.Androl.1999; 1:151-154
  12. Therond P.,Auger J. et al. alfa-tocopherol in human spermatozoa and seminal plasma:relationship whit motility,antioxidant anzymes and leukoicytes.Molec.Hum.Reproduction 1996;2:739-744.12