Patologie e ricerche

Sangue nelle Urine

Ematuria è il termine medico con il quale si definisce la presenza di sangue nelle urine.

Si distingue Ematuria Macroscopica quando il sangue nelle urine si vede ad occhio nudo.

A sua volta questa perdita di sangue viene classificata in:

  • Totale, se l’urine sono rosse per tutta la minzione; indica che il sanguinamento riguarda con molta probabilità la vescica o l’uretere o i reni.,
  • Parziale, se l’urina è sporca di sangue solo nella prima parte della minzione. Per cui la causa del sanguinamento è nell’uretra o nella prostata.
  • Terminale, se le urine diventano rossastre quando si sta finendo di urinare. In genere la causa sta nella vescica o nella prostata: quando la vescica si contrae, l’azione meccanica di spremitura della vescicale produce il sanguinamento.

Ematuria Microscopica, invece è l’ematuria che non si vede ad occhio nudo ma che viene evidenziata con l’esame delle urine.

sangue sperma 02

La presenza di tracce di sangue nelle urine indica che c’è una fonte di emorragia nell’ambito del tratto urogenitale e la quantità di sangue eliminato può essere correlata sia alla gravità della problematica ma anche all’organo interessato, infatti il sanguinamento può provenire da qualsiasi parte dell’apparato urinario, con manifestazioni diverse e molteplici a seconda che si tratti di sanguinamento renale (per calcoli, cisti, neoplasie, necrosi papillare o glomerulonesifrite), pelvico/ureterale (per calcoli e/o neoplasie), vescicale (per infezione batterica e/o neoplasie), prostatico (per prostatiti, ipertrofia prostatica benigna, e neoplasie) o uretrale (per uretriti, stenosi dell’uretra e /o tumori).


Cause del sangue nelle urine

Molto spesso il sangue nelle urine può essere provocato da traumi della regione lombo-sacrale del corpo, che danneggiano la funzionalità renale. Anche la presenza di calcoli alla vescica, oppure ai reni, può dare origine alla formazione di sangue nelle urine e, a lungo andare, provocare gravi lesioni.

 Una problematica che non deve essere mai sottovalutata, sono le infezioni, altra causa scatenante delle tracce di urina nel sangue. In questo caso specifico, bisogna fare una diagnosi dettagliata andando a riconoscere le cause specifiche dell’infezione urinaria.

La cistite, le infezioni delle vie urinarie e l’impiego frequente di farmaci anticoagulanti, possono essere la causa dall’ematuria, ma anche il rene policistico e la prostata, e tutti i traumi legati all’apparato urinario.

ecografia ultrasuoni 

Le Infezioni acute dell’apparato urinario possono dare macroematuria e microematuria accompagnata da altri sintomi (Febbre, dolore lombare, disturbi ad urinare). Anche nelle Infezioni croniche dell’apparato urinario, ci possono essere macroematuria e micro ematuria accompagnate da sintomi disurici.

L’emorragia può presentarsi come un episodio isolato o essere ricorrente ed è causata da problemi differenti a seconda del sesso. Sebbene resti fondamentale l’anamnesi (valutazione del tempo di comparsa, durata e eventuali episodi infettivi antecedenti), ad orientare nella diagnosi sono anche l’età, il sesso e la presenza di eventuali altri sintomi quali dolori da colica renale, disturbi urinari o vescicali.


 

Gli esami da fare

- esame urine + urinocoltura + antibiogramma (cistiti, prostatiti) Oggi le tecniche più utilizzate per capire la natura delle tracce di sangue nell’urina sono

  • l’ecografia pelvica e renale
  • l’ecografia alla vescica ed alla prostata
  • l’urografia
  • l’uretrocistoscopia
  • la TAC all’addomo-pelvica e l’ureteropieloscopia

Cura del sangue nelle urine

Il medico tratterà la presenza di sangue nelle urine curando la patologia sottostante Una volta individuata la causa, si potrà procedere con la cura.

Se si tratta di calcolosi, ad esempio, andrà rimosso il calcolo, in presenza di cistite e di infezioni alle vie urinarie o ai reni, si dovrà procedere con le terapie antibiotiche, infine se il problema è un tumore, andrà curato per via chirurgica o con le opportune terapie oncologiche. Talvolta, però, una micro-ematuria non è indicativa di nessuna condizione patologica, potrebbe essere episodica e quindi priva di rilevanza. In ogni caso, effettuare regolari controlli e test delle urine è sempre consigliabile.

Diverse sostanze naturali sono risultate efficaci per il trattamento e la prevenzione delle infezioni del tratto urinario, che rappresentano una delle principali cause di ematuria.

Tra le varie sostanze utilizzate come coadiuvanti nel trattamento delle infezioni urinarie il mirtillo rosso americano (Cranberry) ha un ruolo di rilievo per le sue proprietà antimicrobiche. Le sue bacche contengono l’acido ippurico, dotato di attività antimicrobica e capace di acidificare le urine, creando un ambiente ostile alla crescita batterica. Sono presenti, inoltre, alcuni tannini condensati (proantocianidine) in grado di inibire l’adesione di importanti uropatogeni (come l’Escherichia coli) alla superficie della mucosa urinaria; tale proprietà rende la pianta indicata per prevenire le cistiti e le prostatiti, sia occasionali che recidivanti, (1;2)con conseguente minore necessità di ricorrere all’impiego di antibiotici.

BREAFLOG® è un integratore alimentare composto da estratti naturali quali, Cranberry, Bromelina, Escina, Acido Boswelico, con spiccata attività antinfiammatoria ed antimicrobiche.

Bibliografia

  1. Sobota A.E. Inhibition of bacterial adherence by Cranberry :potential use for the treatment of urinary tract infection.J. Urol. 131,1013-16.1983
  2. Jepson RG, Craig JC. Cranberries for preventing urinary tract infections. Cochrane Database of Systematic Reviews 2008, Issue 1.