Patologie e ricerche

La balanopostite

Per Balanopostite ,patologia specifica del sesso maschile, si intende una infiammazione della mucosa del glande (balanite) e di quella del prepuzio (postite); raramente si presentano separate, per questo si parla sempre di Balanopostite.

Questa evenienza è caratterizzata da arrossamento delle zone interessate, secrezione ma non sempre, prurito e, a volte, dolore. Colpisce praticamente in tutte le età della vita, ma sopratutto dopo la pubertà.

Non sempre si tratta di un contagio di tipo sessuale, può essere dovuta a cause quali : allergie a farmaci o detergenti, malattie del metabolismo come il diabete, malattie del sistema immunitario, disabilità, età, scarsa igiene personale, presenza di una fimosi (fimosi = impossibilità di retrarre il prepuzio, cioè la pelle del pene, fino a scoprire completamente ed agevolmente il glande), problemi urinari (incontinenza), non ultima l’ obesità come fattore favorente.

Una visita medica è indispensabile ogni volta che si presentano i sintomi sopra descritti: prurito, arrossamento. Il Medico cercherà di capire se ci sono dei fattori favorenti, come attività sessuale non protetta adeguatamente, malattie allergiche ecc. Individuati o esclusi i fattori favorenti, si procede in due modi: prima di tutto si può fare una ricerca per capire quali agenti infettanti sono presenti nella zona interessata. Questo si può fare con dei semplici tamponi messi a contatto con il glande e con il prepuzio : questi, contaminandosi con l’agente infettante possono essere studiati in laboratorio per una diagnosi precisa.

In attesa dell’indicazione della terapia specifica, si devono osservare precise norme igieniche personali e locali : uso di detergenti che siano compatibili con la cute del il pene umano, uso di salviette personali, evitare rapporti sessuali o proteggerli con il preservativo.

Un aspetto importante del problema, fino ad oggi trascurato, è quello dei saponi per l’igiene intima che devono essere usati dai maschi.

Molto è stato detto e fatto per l’igiene intima femminile, esistono linee intere per questo delicato aspetto, ma quasi nessuno si è preoccupato di studiare con scientificità lo stesso aspetto per quanto riguarda l’igiene intima maschile.

Un recente studio ha dimostrato che i saponi per l’igiene intima femminile non solo non possono essere usati dai maschi, ma per questi ultimi sono addirittura dannosi. Esiste una misurazione del grado di acidità o di alcalinità delle mucose genitali femminili e di quelle maschili. Tale misurazione viene scientificamente indicata con la sigla Ph, sigla che è ormai conosciuta anche dal grande pubblico e che serve ,peraltro, a misurare acidità ed alcalinità di tutto quanto esiste sulla terra. La scala dei valori del Ph si può , grossolanamente, dividere in due: la parte che va da 0 a 7 si definisce acida, quella da 7 a 14 si definisce alcalina. Ora, le mucose genitali femminili hanno un Ph decisamente acido che si può collocare intorno al 4,5-5.

Le mucose del maschio, invece non sono acide ma alcaline, se pur debolmente. Non solo, ma il Ph delle mucose genitali maschili si modifica con l’età:

  • Da 18 a 65 aa : Ph neutro o leggermente alcalino 7,0-7,5
  • Da 66 a 90 aa: Ph modestamente minore 6,9-6,5

Lo studio fatto misurando il Ph del glande e del prepuzio in maschi che non avevano malattie a quel livello, ha permesso di individuare detergenti e terapie specificatamente adatte all’ambiente maschile.

L’igiene intima maschile deve essere quindi effettuata con saponi che rispettino il Ph descritto a seconda delle età, in modo da non alterare le mucose e quindi favorire l’insorgenza di infezioni e infiammazioni anche non infettive. Le terapie a base di creme, pomate o impacchi devono altrettanto rispettare il Ph maschile, altrimenti l’effetto terapeutico viene diminuito dall’impatto della sostanza con Ph differente.

Noi sappiamo che nel diabete il problema della Balanopostite è molto frequente, addirittura in alcuni casi la diagnosi di diabete viene fatta proprio nell’ambito dello studio dell’insorgenza di una Balanopostite.

Inoltre, notoriamente, le difese immunitarie dei diabetici sono inferiori a quelle della popolazione non diabetica, per cui è più facile per i diabetici contrarre, tra le altre, infezioni dei genitali esterni.

Il primo concetto importante è la prevenzione:

  • Proteggersi con profilattici durante i rapporti occasionali (questo vale per tutti oltre che per i diabetici)
  • Igiene quotidiana con saponi che rispettino il Ph del pene ; ci riferiamo sia alla normale igiene intima personale che alla necessità di un supplemento di toelette dopo i rapporti sessuali non protetti.
  • Quando si urina, è molto utile retrarre completamente il prepuzio in modo che non rimangano residui di urina intrappolati dal prepuzio, cosa che facilita sia le infezioni che le infiammazioni.

Il secondo concetto riguarda la terapia:

  • Recarsi dal Medico appena si presentano i primi sintomi che possano far pensare ad una Balanopostite: prima si inizia la cura meglio è.
  • Se viene richiesto un esame microbiologico (tampone del prepuzio per sapere esattamente che tipo di agente infettante ha colpito) occorrono , come detto, alcuni giorni. In questo intervallo rimane importante l' igiene con saponi specifici e la protezione del glande con creme e pomate anti-infiammatorie che abbiano le caratteristiche di Ph adeguate. In pratica: per veicolare farmaci e sostanze ad azione antinfiammatoria, antimicotica ecc. occorre una crema base con Ph specifico (es. Breaflog crema) altrimenti il principio attivo non si assorbe!

Si sa che per i diabetici la parte più importante della terapia è quella alimentare, ma sappiamo anche che spesso dieta e terapie adeguate non evitano alcune complicanze come ,nel nostro caso, la Balanopostite.

Dr. Alessandro Papini
Specialista in Andrologia e Urologia

BREAFLOG crema è una pomata composta da estratti naturali quali Bromelina, Escina, Acido Boswelico, Aloe Barbadensis, Malva, Camomilla con spiccate attività antinfiammatorie, la cui caratteristica è quella di avere una base di crema con Ph alcalino (7,5) o leggermente acido (6,5).

breaflog front left SM

La scelta di tali Ph è stata dettata dalla necessità di rispettare il fisiologico Ph cutaneo dell’uomo in base alla sua età. L’indicazione principale di BREAFLOG crema è in tutte le varie forme di Balanopostite (diabetica,micotica,traumatica,seborroica,infettiva,immunologica) quando occorre ripristinare la fisiologica elasticità alla pelle ed una azione sfiammante della delicata cute prepuziale e del glande.

ENGLISH VERSION

BALANOPOSTHITIS

For Balanoposthitis, a specific pathology of the male sex, we mean an inflammation of the mucous membrane of the glans (balanitis) and that of the foreskin (postitis); they rarely occur separated, which is why we always talk about Balanoposthitis. This occurrence is characterized by redness of the affected areas, discharge but not always, itching and, sometimes, pain.

It affects practically all ages of life, but especially after puberty.

It is not always a sexual infection, it can be due to causes such as: allergies to drugs or detergents, metabolic diseases such as diabetes, diseases of the immune system, disability, age, poor personal hygiene, the presence of a phimosis (phimosis = inability to retract the foreskin, ie the skin of the penis, until the glans is completely and easily discovered), urinary problems (incontinence), not least obesity as a favoring factor.

A medical examination is essential every time the symptoms described above occur: itching, redness. The doctor will try to understand if there are any favoring factors, such as unprotected sexual activity, allergic diseases, etc. Once the favoring factors have been identified or excluded, we proceed in two ways: first of all, a search can be made to understand which infectious agents are present in the affected area. This can be done with simple swabs placed in contact with the glans penis and the foreskin: these, contaminating themselves with the infecting agent, can be studied in the laboratory for a precise diagnosis.

Pending the indication of specific therapy, precise personal and local hygiene rules must be observed: use of detergents that are compatible with the skin of the human penis, use of personal wipes, avoid sexual intercourse or protect them with a condom.

An important aspect of the problem, neglected until now, is that of soaps for intimate hygiene that must be used by males. Much has been said and done for women's intimate hygiene, there are entire lines for this delicate aspect, but hardly anyone has bothered to scientifically study the same aspect as regards men's intimate hygiene.

A recent study (*) has shown that soaps for feminine intimate hygiene not only cannot be used by males, but are even harmful for the latter. There is a measurement of the degree of acidity or alkalinity of the female and male genital mucous membranes. This measurement is scientifically indicated with the acronym Ph, an acronym that is now also known by the general public and which serves, moreover, to measure the acidity and alkalinity of everything that exists on earth. The scale of the Ph values ​​can be roughly divided into two: the part that goes from 0 to 7 is defined as acidic, that from 7 to 14 is defined as alkaline. Now, the female genital mucous membranes have a decidedly acid pH that can be placed around 4.5-5. The mucous membranes of the male, on the other hand, are not acidic but alkaline, albeit weakly. Not only that, but the Ph of the male genital mucous membranes changes with age:From 18 to 60 aa: neutral or slightly alkaline pH 7.0-7.560 to 90 yy: Modestly lower Ph 6.9-6.5The study, carried out by measuring the pH of the glans penis and foreskin in males who did not have diseases at that level, made it possible to identify detergents and therapies specifically suited to the male environment.Male intimate hygiene must therefore be carried out with soaps that respect the pH described according to age, so as not to alter the mucous membranes and therefore favor the onset of infections and inflammations, even if not infectious. Therapies based on creams, ointments or packs must also respect the male pH, otherwise the therapeutic effect is diminished by the impact of the substance with a different pH.We know that in diabetes the problem of balanoposthitis is very frequent, even in some cases the diagnosis of diabetes is made precisely in the context of the study of the onset of a balanoposthitis. Furthermore, it is known that the immune defenses of diabetics are lower than those of the non-diabetic population, making it easier for diabetics to contract infections of the external genitalia, among others.The first important concept is prevention:-Protect yourself with condoms during casual intercourse (this applies to everyone as well as diabetics)-Daily hygiene with soaps that respect the Ph of the penis; we are referring to both normal personal intimate hygiene and the need for a toilet supplement after unprotected sexual intercourse.-When urinating, it is very helpful to fully retract the foreskin so that no urine remains trapped by the foreskin, which facilitates both infections and inflammation.The second concept concerns therapy:-Go to the doctor as soon as the first symptoms arise that may suggest a Balanoposthitis: the sooner the treatment is started, the better.-If a microbiological examination is required (swab of the foreskin to know exactly what type of infectious agent has hit), it takes a few days, as mentioned. In this interval, hygiene with specific soaps and protection of the glans with anti-inflammatory creams and ointments that have the appropriate Ph characteristics remains important.We know that for diabetics the most important part of therapy is food, but we also know that often adequate diet and therapies do not avoid certain complications such as, in our case, Balanoposthitis.

  (*) Observational study carried out by Dr. Rosadi from Arezzo on a sample of more than 100 healthy patients in which the skin pH of the glans penis and foreskin was measured using litmus paper